Autorizzazione all'uso dei cookie

Carloforte Net

Il portale su Carloforte e l'Isola di San Pietro in Sardegna

Gli Uccelli dell'OASI LIPU CARLOFORTE

Crea: 04/24/2016 - 17:46
Falco della regina

Il falco della reginaOltre alle caratteristiche ambientali e alle numerose specie vegetali, I'Oasi Carloforte rappresenta un importante luogo di sosta e nidificazione per moltissime specie di uccelli. La specie più rara e importante è il Falco della Regina, un rapace che si riproduce esclusivamente sulle scogliere a picco sul mare in isole e isolotti del Mar Mediterraneo. E' il simbolo dell'0asi, nata proprio per garantire la conservazione e la tutela di questa specie. Ogni anno, circa 100 coppie di falchi arrivano dal Madagascar (dove passano I'inverno) per nidificare nell'Isola di San Pietro e, in estate, le scogliere dell'0asi sono vivacizzate dal vociare e dai voli acrobatici di questi splendidi rapaci. Per essi da anni la LIPU ha istituito un campo di sorveglianza e studio al fine di evitare l'estinzione della specie a causa del bracconaggio a cui erano sottoposti. Nell'Oasi è possibile osservare anche altre specie di rapaci: il Gheppio, la Poiana ed anche il Falco pellegrino. Sopra un limpido e azzurro mare volteggia il rarissimo Gabbiano corso (anch'esso tipico delle isole mediterranee) dal particolare becco rosso corallo; 
il Cormorano dal ciuffo, posato su uno scoglio o intento a pescare, cattura la nostra attenzione con il suo buffo comportamento. Tra i fitti e intricati arbusti della macchia mediterranea trovano rifugio una varietà notevole di piccoli passeriformi: l'Occhiocotto, la Magnanina, la Magnanina sarda e la Sterpazzolina. Sulle rocce assolate è facile sentire il melodioso e gorgheggiato canto del Passero solitario.

Per maggiori informazioni sul falco della regina vi consigliamo l'apposita pagina su Wikipedia.

Tags: 

About Author

Pietro Cappai

Realizzo siti web ed insegno nella scuola superiore di secondo grado. Amo il mare, gli sport velici e la musica. Vivo a Carloforte sull'Isola di San Pietro in Sardegna. Potete visitare il mio sito personale a http://www.pietrocappai.info.