I testi di 

 

  Fuochi destate  

(M.Brai)

E lo stregone invoc il dio del fuoco

mentre gli dei della luna e del mare bisbigliavano

sulla sorte di questi strani bipedi

che continuano ad agitarsi sul loro piccolo mondo.

 

Il dio del silenzio, sbadigliando, and a dormire

all’avvicinarsi danzante del dio della musica;

richiamato dalle dolci note, il timido dio dell’amicizia

con passo incerto, chiese di partecipare al rito.

 

E intanto il fuoco scioglie l’anima e scalda il cuore,

la chitarra sotto la luna crea magie nella spiaggia che dorme.

Euga! Euga!

Cantami pi vicino. E ancora!

Euga! Euga!

 

Bevendo un bicchiere di vino tutti si accorsero

che uno solo mancava alla riunione.

Era amore, il dolce, e il forte

Era amore…

 

Quando lo stregone alz la fronte

grid parole che non capivamo.

Solo allora il fuoco si fece pi caldo

e le voci salirono in alto cantando:

 

"Ehil dio dell’amore, porta nettare magico per le nostre bocche,

vieni attorno al fuoco e raccontaci storie."

"Ehil dio dell’amore, porta nettare magico per le nostre bocche,

vieni qui con noi."

 

Mentre la luna usciva dal mare in lame lucenti

amore fece capolino tra gli scogli bianchi

e grid: "Euga euga!", e tutti: "Euga euga euga!"

e ancora: "Euga euga!", e tutti: "Euga euga euga!"

 

Ognuno rispose, e poi tutti risero.

In coro risposero, e poi tutti risero.

Euga,euga… euga, euga, euga. E ancora

euga, euga… e tutti euga, euga, euga.

   
   

Go Top 

L’am e a forsa

(C.Baghino, M.Brai-M.Brai)

L’am e a forsa vuole essere una canzone d’amore nel senso pi generale del termine e una spinta a cambiare la vita anche se "nel bene e con ragione", nella consapevolezza che il destino dell’umanit dipende da ogni singolo uomo.

L’am e a forsa

Picchemmu du p, battemmu insci’u 
s,

ommu,

prlime, tucchime, e

ch’a cruje du ben a piggie a me 
man,

vuje

cantime ‘na cansn,

ma ca prle d’am, pe n’otta 
d’am,d’am.

Pe chi n’ha bezeugnu e u srche a
vait,

p’a donna che t’eu, p’a to

pe l’amigu cu t’ vijn,

e pe quellu cu l’ luntan

pe n’uje, ‘na vuje,

a cu de st chi cun ti.

Zeuga cun mi a vive l’am

e u diau u l’ ligau

e a chi nu ghe credde

alla fggau vedde

ch’a vitta a l’ da ma ti a peu sarv

e ti l’ da sarv che ti peu cun 
l’am,

l’am p’a to tra o pe quellu 
gattin,

pe quellu tipu štrnu cu te šta l
vijn.

Ch’a cruje du bn a piggie a me 
man,

vuje

cantime ‘na cansn e

ch’a cruje du bn a guidde a me 
man,

vuje

cantime ‘na cansn

va.

A vitta a l’ fta pe impar

a cunusce e dištingue u ben 
dau m

se ti d, te vegne, se te vegne a va 
bn

se t’accianti velenu t’accheuggi
serpenti

e se u su u t’ašcde a neutte a fa
trem.

L’ommu u l’ cresciu

e u l’ha imparau a lessiun

ua u vive ma s’u nu šcange u nu se
peu sarv e alla

znu picca du pe e fatte 
sent,

dagghe forte, dggau ti, crau 
ben,

vegiu picca du p e fatte 
accap

ci bn,

špieghigau anche ti.

Zonu picca da man e fatte 
sent

dagghe forte, dggau ti, crau ben

vegiu picca da man e 
fatt’accap

ci bn,

spieghigau

anche ti

bn

ch’a rivolusiun a prte da ti

tiu s, ommu,

primma mi e poi ti

perche a rivulusiun ti a f anche 
ti,

ia,

int’u bn, cun rajin,

ua.

Se nu ti šte bn l’ curpa anche to,

tiu s, ommu,

srchime d’accap e

se nu ti šte bn l’ curpa anche to

fa quarcosa,

primma mi e poi ti,

ua.

Ch’a vitta du s ti a šcangi anche 
ti

tiu s, ommu,

srchime d’accap

perche a vitta du s ti a šcangi 
anche ti

fa quarcosa,

primma mi e poi ti,

ua.

Ch’a cruje du bn a piggie a me 
man,

bella vuje cantime ‘na cansn,

fr

ch’a cruje du bn a guidde a me 
man,

bella vuje cantime ‘na cansn

va.

Dauva va!

L’amore e la forza

Picchiamo col piede, battiamo sul 
cielo,

uomo,

parlami, toccami e

che la croce del bene prenda la mia
 mano,

voce

cantami una canzone,

ma che parli d’amore, per una volta
d’amore, d’amore.

Per chi ne ha bisogno e cerca la 
verit,

per la donna che vuoi, per la tua

per l’amico che ti vicino,

e per quello che lontano

per una voce, una voce,

e la voglia di stare qui con te.

Gioca con me a vivere l’amore

e il diavolo legato

e a chi non ci crede

faglielo vedere

che la vita dura ma la puoi salvare

e la devi salvare, perch lo puoi, con
l’amore,

l’amore per la tua terra o per quel
gattino,

per quel tipo strano che ti sta
vicino.

Che la croce del bene prenda la mia
mano,

voce

cantami una canzone e

che la croce del bene guidi la mia
mano,

voce

cantami una canzone

vera.

La vita fatta per imparare

a conoscere e distinguere il bene
dal male

se dai, ti ritorna, se ritorna va 
bene

se semini veleno raccogli 
serpenti

e se il sole ti scalda la notte ti fa
tremare.

L’uomo cresciuto

e ha imparato la lezione

adesso vive, ma se non cambia non si
pu salvare e allora

giovane picchia col piede e fatti
sentire

dagli forte, diglielo tu, gridalo
bene,

vecchio picchia col piede e fatti
capire

meglio,

spiegaglielo anche tu.

Giovane picchia con la mano e fatti
sentire

dagli forte, diglielo tu, gridalo bene

vecchio picchia con la mano e 
fatti capire

meglio,

spiegaglielo

anche tu

bene

che la rivoluzione parte da te

lo sai, uomo,

prima io e poi tu

perch la rivoluzione la fai anche
tu,

s,

nel bene, con ragione,

ora.

se non stai bene la colpa anche tua

lo sai, uomo,

cerca di capirmi e

se non stai bene la colpa anche tua

fa’ qualcosa,

prima io e poi tu,

ora.

Che la vita del cielo la cambi anche
tu

lo sai, uomo,

cerca di capirmi

perch la vita del cielo la cambi anche tu

fa’ qualcosa,

prima io e poi tu,

ora.

Che la croce del bene prenda la mia
 mano,

bella voce cantami una canzone,

fratello

che la croce del bene guidi la mia
mano,

bella vocecantami una canzone

vera.

Davvero vera!

Go Top 

 

   Gh'ea n'rbu 

(Trad. arr. JOB e Brai & Co.)

Gh’ea n’rbu

 

Gh’ea n’rbu tantu grossu

gh’ea n’rbu tantu grossu

che niscin ghe peu arriv

giobell fradell

l’ e distte de zen

Mamma mamma quande meuiu

mamma mamma quande meuiu

veštime da špus

giobell fradell

l’ e distte de zen.

Intermezzo percussivo

Chi u cammalle? Chi u l’ha
cammallau?

Liga l’se, liga l’se….

Chi u cammalle? Chi u l’ha
cammallau?

Liga l’se, liga l’se…

 

Ripete la strofa.

 

C’era un albero

 

C’era un albero tanto grosso

c’era un albero tanto grosso

che nessuno ci pu arrivar

giobell, fradell

il diciassette di gennaio

Mamma mamma quando muoio

Mamma mamma quando muoio

Vestitemi da sposa

giobell, fradell

il diciassette di gennaio.

Intermezzo percussivo

Chi porta? Chi ha 
trasportato?

Lega l’asino, lega l’asino…

Chi porta? Chi ha 
trasportato?

Lega l’asino, lega l’asino…

 

Ripete la strofa.

 

   

Go Top 

Dme a me roba

(S.Caputo -M. Brai)

Dme a me roba, rendetemi le mie cose, una frase che si dice quando, dissociandosi da una situazione, si vuole "mollare tutto". Il testo di questa canzone di Salvatore "Sasha" Caputo, grandissimo amico e compagno di casciandre, nel corso delle quali sono nate alcune tra le migliori canzoni dall’epoca della nascita della JOB in poi. La storia di questa canzone trova un personaggio psicologicamente a terra, arrabbiato col suo amore e con tutto il resto, desideroso di liberarsi e di volare sulla baia sopra il mare. Il testo, scritto per immagini, risulta un po’ ermetico e trova il giusto spazio in un blues in sei battute, per la sua caratteristica di lamentela e recriminazione tipica del genere.

Dme a me roba! 
(che me ne vagu...)

Dme a me roba! Dme a me roba!

Štrasse vegie e štreppell

sensa mancu ci i pumelli

che pe mttai int’a valja

fantasia nu me ne gh’eu.

Dme a me roba! Dme a me roba!


Che sun štancu de vir

sensa mancu ‘na barracca

cumme u buccu ch’ho ‘n ta štacca

vegia, rutta e šcalcin.

Dme a me roba! Dme a me roba!


Che sci in tu ho da j

vijn au su ch’u p ci bellu

quande de ‘nsci ’a ciazza frešca

a so morte ho d’ammi.

Dme a me roba! Dme a me roba!


Ghe l’ho ditu au me am

cu me puiva tttu ‘n šchersu

šgurdi languidi e caresse

da f sulu a carlev.

Dme a me roba! Dme a me roba!


Anche se mi sun da sulu

quande e nvie han d’arriv

sensa grilli int’u servellu

e e me ie suvia u m.

Dme a me roba! Dme a me roba!


Fratti, suore e cardinli

pe tegnne armenu a galla

cu’e filrse a lig sli

e nu pens ch’a l’ ‘na balla.

Dme a me roba! Dme a me roba!

Rendetemi le mie cose!  
(che me ne vado...)

Rendetemi le mie cose! Rendetemi le mie cose!

Stracci vecchi e strappati

senza neanche pi i bottoni

che per metterli in valigia

fantasia non ce ne vuole.

Rendetemi le mie cose! Rendetemi le mie cose!


Che son stanco di girare

senza neanche una casa in campagna

con il buco che ho nella tasca

vecchia rotta e scalcinata.

Rendetemi le mie cose! Rendetemi le mie cose!


Che su in alto devo volare

vicino al sole che pare pi bello

quando dalla spiaggia fresca

la sua morte devo guardare.

Rendetemi le mie cose! Rendetemi le mie cose!


Glie l’ho detto al mio amore

che mi sembrava tutto uno scherzo

sguardi languidi e carezze

da far solo a Carnevale.

Rendetemi le mie cose! Rendetemi le mie cose!


Anche se io son da solo

quando le nuvole devono arrivare

senza grilli nel cervello

e le mie ali sopra il mare.

Rendetemi le mie cose! Rendetemi le mie cose!


Frati, suore e cardinali

per tenerci, almeno, a galla

con cordini legano galleggianti

per non pensare che sono bugie.

Rendetemi le mie cose! Rendetemi le mie cose!

Go Top 

A tremussa

(M.Brai - M. Rocca)

A tremmussa, verme usato per esca, una canzone allegra e goliardica e racconta di un "tipo da spiaggia" che sta tutto il giorno su uno scoglio a pescare senza prendere niente. Non si capisce per se, col vermetto, voglia pescare un’orata o una "mormora tedesca" che sta sdraiata in spiaggia ad abbronzarsi. Questo brano stato costruito usando parole dal suono particolare e, in certi casi, non molto in uso attualmente, con l’intento di fissarle grazie al testo della canzone.
Ecco alcuni esempi: "šcianasseua", scoglio piatto ed esteso pi o meno immerso nel mare; "šciapp", spaccato, crepato; "nu se rašce ‘na rešca", detto dialettale usato nelle pi svariate situazioni, che sta a significare "non si prende (raschia) nemmeno una squama".

A tremussa

Tttu u giurnu int’a šcianasseua

cu su cu te šciappe u servellu

tttu u giurnu int’a šcianasseua

e nu se rašce ‘na rešca eh!

Nu se rašce ‘na rešca eh!

Ammu l’gua de tncia

pe src d’accap cusse fan

pe src d’accap cusse fan l dabbassu

Ammiu i tucchi de pan ruddigg

e n’accapisciu perch preferiscian

n’accapisciu perch preferiscian - a tremuizza

Tttu u giurnu int’a šcianasseua

cu su cu te šciappe u servellu

tttu u giurnu int’a šcianasseua

e nu se rašce ‘na rešca eh!

Nu se rašce ‘na rešca eh!

Ho d’accattmme ‘na brca pe pui an

int’u mezu du Fru

cu’i botti sun fissu a mezgua

Ho d’accattmme ‘na brca pe pui an a 
Bobba

nu ne possu ci, d’avi i p bagn.

A ‘na bella tremmuizza reusa,

gh’i ciucchin ‘na bella murscell!

A ‘na bella tremmuizza reusa,

ti ti cacci drntu in guntea.

Au di! Au di!

‘Na bella tremmuizza reusa ca sciorte,

de’n’ta so cantabrn-a

bn inlesc int’i lammi da me canna neua,

‘na bella tremmuizza reusa, ca l’addnte u fru,

d’anmene in ca cu’e oche appreuu,

d’anmene in ca cu’e oche appreuu!

Tttu u giurnu int’a šcianasseua ...

Il lombrico (L’esca)

Tutto il giorno sulla "šcianasseua"

con il sole che ti spacca il cervello

tutto il giorno sulla "šcianasseua"

e non si becca neanche una squama, eh!

E non si becca neanche una squama, eh!

Guardo l’acqua di sbieco

per cercare di capire cosa fanno

per cercare di capire cosa fanno l sotto.

Guardo i pezzetti di pane rosicchiati

e non capisco perch preferiscono,

e non capisco perch preferiscono - il lombrico.

Tutto il giorno sulla "šcianasseua"

con il sole che ti spacca il cervello

tutto il giorno sulla "šcianasseua"

e non si becca neanche una squama, eh!

E non si becca neanche una squama, eh!

Devo comprarmi una barca per poter andare

in mezzo al Friu

con gli stivali son sempre a mezz’acqua.

Devo comprarmi una barca per poter andare alla Bobba

non ne posso pi di avere i piedi bagnati.

A un bel lombrico rosa,

gliela darebbero una bella addentata!

Un bel lombrico rosa.

te lo butti gi volentieri.

Lo credo bene! Lo credo bene!

Un bel lombrico rosa che esce

dal suo tubo

ben innescato negli ami della mia canna nuova,

un bel lombrico rosa che morde l’amo,

da tornarmene a casa con i gabbiani appresso,

da tornarmene a casa con i gabbiani appresso!

Tutto il giorno sulla "šcianasseua"...

Go Top 

Oh amigu m

(M.Brai)

Un uomo in evidente crisi esistenziale va in riva al mare e gli parla come fosse un amico...Il pezzo giocato sull’omofonia delle parole tabarkine "unda" (onda) e "und’a" (dove, quando il soggetto della frase femminile).

Oh amigu m

Und’a l’ a me unda, und’a l’ a me unda, und’a l’?

Unda, a l’ a me unda, a l’ a me unda, und’a l’?

Oh amigu ma, und’a l’ a me unda? Und’a l’?

Oh amigu ma, que’u l’ u me amu? Que’u l’?

Oh amigu ma, und’a l’ a me unda, que’a l’?

Oh amigu ma, que’u l’ u me amu, und’u l’?

Und’a l’ a me unda...

Oh amico mare

Dov’ la mia onda, dov’ la mia onda, dov’?

Onda, la mia onda, la mia onda, dov’?

Oh amico mare, dov’ la mia onda? Dov’?

Oh amico mare, qual il mio amore? Qual ?

Oh amico mare, dov’ la mia onda? Qual ?

Oh amico mare, qual il mio amore, dov’?

Dov’ la mia onda...

Go Top 

U Cheuttu e u cruu

  ( C.Baghino - M Brai)

Il brano si rif ad un episodio della storia carlofortina, quando i mori (i "trchi") saccheggiarono il paese. Gli invasori entrarono nel borgo grazie alla "soffiata" di un caprese che aveva vissuto qualche tempo sull’isola, prima di passare ai musulmani, cambiando il suo nome in Mammeluch. Questi nutriva sentimenti rancorosi verso i tabarkini per essere stato rifiutato da una donna e deriso dal paese. La leggenda narra di come, fra le lacrime e le catene, una delle case fosse stata risparmiata, perch il capofamiglia aveva ucciso un tunisino e ne aveva messo il corpo di traverso sull’uscio, essendo a conoscenza di una superstizione musulmana che impediva l’ingresso in un’abitazione segnata in questo modo. La moglie dell’uomo, incinta, riusc quindi a salvarsi e, dopo qualche tempo, diede alla luce una figlia che chiam Liberata, paradossalmente "figlia" del fucile che aveva ucciso. Da questo si prende spunto per sottolineare le contraddizioni che talvolta ci sono nell’educazione tradizionale perbenista.

U cheuttu e u cru

Se te tuccan cun ‘na man,

nu šta a f u loccu che t’u turnan a f!

Se te tuccan sulu cu’ in diu,

piggia u baccu e dagghe u cheuttu e u cru!

Dije dije u babbu au figgieu,

poi u va in gja a fse cunfess

"Oh mamma mamma" - " Dimme figgieu"

"Cuss’ho da f sun prejun"

"Oh figgiu, figgiu"

"Oh mamma, ma... ma cusse gh’?"

"Ma nu ti veddi šte cadn-e?

Ma nu ti veddi šte cadn-e?"

"Oh figgiu, figgiu"

"Oh mamma, ma... ma cusse gh’

"Ma nu ti veddi šte cadn-e?

Ma nu ti veddi šte cadn-e?"

Ma quante smmu tra donne e figgieu,

che ’n te šta brca n’han crregau,

cumm’han attruvau u passu p’entr?

U l’ u furštu cu i ha guid!

Pe ‘na donna c’u l’ha osciu,

pe ‘na donna c’a nu l’ha sciu

pe quella dešgrassi c’a s’ neg...

Oh mamma, Mammeluch! L’arrive i Trchi!

L’arrive i Trchi, l’arrive i Trchi!

Ne sun vegni a piggi, oh mamma, e mi che curpa n’ho?

Oh mamma e mi che curpa n’ho?

Oh mamma, Mammeluch! L’arrive i Trchi!

L’arrive i Trchi, l’arrive i Trchi!

Ne sun vegni a piggi, oh mamma, e mi cuss’ho da f?

Oh mamma e mi cuss’ho da f?

E mi figgieu cusse te possu di,

ho vištu mu ho vištu brj

e mi figgieu cusse ghe possu f,

tutti i rišprmi n’han purtau via

n’han purtau via...

Oh mamma, Mammeluch! L’arrive i Trchi!...

E poi, l’ nascia ‘na figgetta...,

e poi l’ nascia Liberata

figgia du šceuppu, cu l’ha šparau,

e u l’ha ammassau ... e u l’ha ammassau.

E pe chi nu cunusce a štoria,

e pe chi n’ha accpiu u dešcursu

l’ cumme u babbu cu dije au figgiu,

primma d’an a fse cunfess:

"Se te tuccan cun ‘na man,

nu šta a f u loccu che t’au trnan a f!

Se te tuccan sulu cu’ in diu,

piggia u baccu e dagghe u cheuttu e u cru!

U cheuttu e u cru, e dagghe u cheuttu e u cru!"

Il cotto e il crudo

"Se ti toccano con una mano,

non far lo stupido, o te lo fanno di nuovo!

Se ti toccano anche solo con un dito,

prendi un bastone e dagli il cotto e il crudo!"

Dice, dice il padre al figlio,

e poi va in chiesa a farsi confessare.

"Mamma, mamma"- "Dimmi figliolo"

Cosa devo fare, son prigioniero"

"Oh, figlio, figlio"

"Oh mamma, ma... ma cosa c’?"

"Ma non le vedi queste catene?"

"Ma non le vedi queste catene?"

"Oh figlio, figlio"

"Oh mamma, ma... ma cosa c’?"

"Ma non le vedi queste catene?

Ma non le vedi queste catene?"

Ma quanti siamo, donne e bambini,

caricati su questa nave?

E come hanno trovato il passaggio per entrare?

E’ stato lo straniero a guidarli!

Tutto per una donna che lui ha voluto,

per una donna che non lo ha voluto,

per quella disgraziata che si negata...

Oh, mamma, Mammeluch! Arrivano i Turchi!

Arrivano i Turchi, arrivano i Turchi!

Sono venuti a prenderci, oh mamma, ma che colpa ho io?

Oh mamma, ma che colpa ho io?

Oh, mamma, Mammeluch! Arrivano i Turchi!

Arrivano i Turchi, arrivano i Turchi!

Sono venuti a prenderci, oh mamma, e io cosa posso fare?

Oh mamma, e io cosa posso fare?

E io figliolo cosa posso dirti,

ho visto morire, ho visto bruciare

e io figliolo cosa posso fare,

ci hanno portato via tutti i risparmi

ci hanno portato via...

Oh, mamma, Mammeluch! Arrivano i Turchi!...

E poi nata una bambina....,

e poi nata Liberata

figlia del fucile che ha sparato,

e ha ucciso... e ha ucciso.

E per chi non conosce questa storia,

e per chi non ha capito il discorso

come il padre che dice al figlio,

prima di andare a confessarsi:

"Se ti toccano con una mano,

non far lo stupido, o te lo fanno di nuovo!

Se ti toccano anche solo con un dito,

prendi un bastone e dagli il cotto e il crudo!

Il cotto e il crudo, e dagli il cotto e il crudo!"

Ascolta la musica di questo brano

Go Top 

  Briciole di terra  

(M.Brai)

Questa canzone vuole essere un messaggio di apertura da questo puntino sulla carta geografica che lisola di Carloforte. Fin dallantichit San Pietro stata una terra di nessuno frequentata da flottiglie di ogni provenienza. Infatti, data la sua posizione geografica, il canale di S. Pietro un rifugio sicuro per chi, sorpreso da una tempesta generata sicuramente dal Maestrale inclemente tiranno della costa occidentale di Sardegna e Corsica, sia costretto a correre ai ripari, specialmente quando le navi non erano delle citt galleggianti! Ancora oggi sullisola c lultimo faro della costa orientale di questa parte del Mediterraneo fino a Gibilterra, trafficatissimo crocevia marittimo. La costa pi vicina, a parte quella sarda, quella del nord Africa, distante meno di 135 miglia (circa 250 Km). Io stesso, colto da un dubbio, ho verificato con un semplice compasso che Carloforte il punto della Sardegna pi distante dalla penisola. Inoltre nella zona dellisola degradante verso sud ovest e in particolare allo Spalmatore, localit dove si trova la "vigna" della mia famiglia, si ricevono malissimo i mass media nazionali mentre arriva forte il segnale delle radio spagnole e di radio Tunisi. In questo contesto, da adolescente stavo mesi e mesi con il sintonizzatore posizionato sullemittente tunisina per semplice curiosit e ricordo di aver avvertito in seguito la durezza nelle parole incomprensibili di quella gente nel periodo della guerra del Golfo; non dimenticher mai lo stupore provato nelludire una filastrocca che cantavamo da bambini (iaccube be be, iaccube be be be be). Sono evidenti quindi gli scambi avvenuti tra la gente di questo mare aldil delle barriere politiche, religiose ed economiche che le generazioni a venire hanno il compito di abbattere senza che pero vada dispersa nessuna delle caratteristiche di ogni singolo popolo. Questi sono i temi trattati nella canzone seguente dove si pensano le isole mediterranee come briciole che nella deriva dei continenti sono cadute in questo nostro "caldo e forte, prepotente e ricco, generoso e calmo, spietato e limpido mare".

Briciole di terra

Mare mare, ma ma ma mare mare mare,

uh ma ma ma mare mare mare

ma ma ma mare mare mare uh

ma ma ma mare amare il mare.......

 

Cosa posso se

io son nato in una briciola dAfrica

staccata dallo stesso pane con altre,

e caduta proprio l, in mezzo al mare,

con diversi e strani mondi attorno

che continuavano a spiaggiare

ad ogni colpo di mare,

ad ogni colpo di mare.

E sempre il...

 

Mare mare

 

 

 

E cosa ci posso fare se

io son nato in una briciola dAfrica

e la mia radio prende Radio Tunisi

quasi meglio del canale nazionale.

Cosi son curioso dascoltare

cosa sentono dallaltra parte,

cosa pulsa in quella parte,

quel che vive dallaltra parte del mare.

Sempre dal...

 

Mare mare...

 

E cosa posso se

io son nato in una briciola dAfrica

e la mia testa canta in nero antico

e il mio cuore batte in africano:

yeh eeh yeh wowo - yeh eeh yeh wowo.

Ed ho il sale nelle ossa

perch son nato come un granchio,

aggrappato a quegli scogli

della logora banchina appena sopra il mare,

a quattro palmi sul mare,

un metro sopra il...

 

Mare mare...

 

E vien voglia di cantare

di questo caldo e forte,

prepotente e ricco,

generoso e calmo,

spietato e limpido mare

 

Ascolta la musica di questo brano

Go Top