Authorization for the use of cookies

Carloforte Net

The portal on Carloforte and the island of San Pietro in Sardinia

L'interno dell'Isola di San PIetro

Create: 05/02/2016 - 11:38
La campagna dell'isola di San PietroLa zona interna dell'Isola di San Pietro è caratterizzata dalla tipica vegetazione della macchia mediterranea: il rosmarino, il cisto, il mirto, il corbezzolo, la palma nana, ecc. e dalle pinete di pino d'Aleppo.

Vi segnaliamo alcune località caratteristiche, come il Bacino di Nasca, un bacino artificiale situato nella parte settentrionale che un tempo forniva l'acqua al paese di Carloforte.
Nelle immediate vicinanze del bacino di nasca è stata costruita recentemente una centrale eolica e fotovoltaica.

 
Lo stagno di CalavinagraMerita una visita anche lo stagno di Calavinagra e la pineta adiacente ad esso. La stagione migliore per visitarlo non è certo l'estate, in quanto a causa della forte evaporazione si prosciuga. Fate attenzione quando siete lì, e ogni tanto alzate la testa verso il cielo: siete vicini alla zona dove nidifica il Falco della regina, rarissimo rapace che nidifica d'estate, in colonie abbastanza numerose, sulle ripide falesie e che con la sua presenza  (circa cento coppie) qualifica l'Isola di San Pietro, da un punto di vista naturalistico, come area di importanza internazionale. (vedi Oasi LIPU Carloforte). Un'altra regione molto interessante è il Becco, zona mineraria in disuso, che un tempo ospitava anche un piccolo villaggio di minatori posto sulla bellissima costa a strapiombo che si affaccia sul golfo omonimo.

 

 
I fenicotteri nelle salineNell'Isola sono presenti anche dei Nuraghi: ciò dimostra che le popolazioni della civiltà nuragica(2000 A.C.), non erano, come alcuni credono, del tutto sprovveduti in fatto di abilità marinare.

Le saline sono situate a fianco del centro abitato. Non sono più in funzione da anni, ma proprio per questo sono diventate l'habitat di svariate specie di uccelli acquatici, compresa una intera colonia di fenicotteri.
Resta tanto altro da vedere, ma non vorremmo togliervi del tutto il piacere della scoperta...

 
Il fungo di pietra... e camminando, vi capiterà ad esempio di imbattervi in strane rocce che il vento e gli agenti atmosferici hanno modellato con il tempo, e che, come quella della foto a fianco, i carlofortini hanno dato anche un nome: il fungo di pietra.( Periodi consigliati per le passeggiate: maggio, giugno, settembre)

 

 

About Author

Pietro Cappai

Realizzo siti web ed insegno nella scuola superiore di secondo grado. Amo il mare, gli sport velici e la musica. Vivo a Carloforte sull'Isola di San Pietro in Sardegna. Potete visitare il mio sito personale a http://www.pietrocappai.info.